Roma, 9 ago. (AdnKronos) – Scuole lasciate sole a farsi carico della confusione generata dal ministro Grillo

“Mi unisco al netto dissenso espresso dai Presidi circa la proroga di un anno dell’obbligo vaccinale, approvata con l’emendamento al decreto milleproroghe, per l’iscrizione alla scuola dell’infanzia e agli asili nido. Il governo M5S-Lega non tutela la salute dei più piccoli e lascia sole le scuole a farsi carico dell’inaccettabile confusione che sta generando”. Così in una nota Maria Teresa Bellucci, capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Affari sociali. Confusione generata, spiega, “prima con la circolare diffusa a luglio dal ministro della Salute Giulia Grillo, con la quale si dichiarava sufficiente per l’iscrizione all’anno scolastico 2018/2019 un’autocertificazione vaccinale, in sostituzione di una documentazione ufficiale dell’ASL, poi con l’emendamento al milleproroghe che fa slittare l’obbligo dei vaccini e, infine, sempre con il ministro Grillo che sulla questione dei bambini immunodepressi dichiara che dovrebbero essere inseriti in classi ‘differenziali’, cioè in quelle con la totale copertura vaccinale”. “Il ministro -prosegue Bellucci- dimostra una totale ignoranza e, altresì, mancanza di buon senso: i bambini immunodepressi non sarebbero comunque protetti nei momenti di ricreazione e nei numerosi spazi comuni (mensa, palestra, bagni), violandone, di fatto, il diritto all’incolumità”. “Inoltre, si negherebbe la continuità educativa, trattando i piccoli come pacchi più che come persone bisognose di restare in relazione affettiva con i compagni e le insegnanti. In materia di salute -conclude- il governo dovrebbe abbandonare contrapposizioni ideologiche e seguire sempre la scienza che si è espressa attraverso gli organismi più titolati, come l’Istituto superiore di sanità e la Federazione italiana dei medici pediatri”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>