(ANSA) – BARI, 13 SET – “La ricorrenza che si celebra oggi, in memoria di Paola Labriola, la psichiatra barese uccisa da un paziente nel settembre 2013, deve essere un ulteriore monito ad agire per evitare che aumentino i casi di violenza contro il personale sanitario, un fenomeno che negli ultimi anni sta assumendo proporzioni sempre piu’ preoccupanti”. Cosi’ Maria Teresa Bellucci, capogruppo di FdI in Commissione Affari Sociali alla Camera, in occasione della ‘Giornata contro la violenza verso gli operatori sanitari’ organizzata a Bari dalla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo) insieme all’Ordine dei Medici della provincia. Bellucci spiega di avere “gia’ presentato una mozione al Parlamento e una risoluzione in commissione Affari Sociali e in commissione Lavoro, per chiedere al governo un intervento immediato perche’ c’e’ la necessita’ di garantire maggiore sicurezza, modelli organizzativi piu’ efficaci e formare gli operatori della sanita’ pubblica per la difesa della propria incolumita’ fisica e psicologica”. “Come Fratelli d’Italia – sottolinea – porteremo avanti la nostra battaglia per avere presto una legge che consenta di arginare questa escalation di inaudita violenza”. “I dati diffusi dall’Inps e dal Ministero della Salute – aggiunge – certificano che circa un terzo delle persone vittime di violenza sui luoghi di lavoro la subiscono nei contesti della sanita’, e un’alta percentuale riguarda le donne”. “Purtroppo – prosegue – le lunghe attese per le visite, le carenze del personale medico e infermieristico, il sovraffollamento dei Pronto Soccorso e nei 118, sono tra le cause che generano aggressivita’ verbale, troppo spesso sfociata anche in aggressivita’ fisica”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>