Sanità, Bellucci: presenteremo Proposta di Legge su Sindrome di Sjögren

Presenteremo Proposta di Legge su Sindrome di Sjögren

(Public Policy) Una proposta di legge per inserire nell’elenco delle malattie rare anche la sindrome di Sjögren. Ad annunciarla, nel corso del convegno La Sindrome di Sjögren – Tra difficoltà quotidiane e proposte di legge organizzato da FdI, A.N.I.Ma.S.S. Onlus e Accademia Togliani in Senato, la deputata di Fratelli d’Italia Maria Teresa Bellucci, capogruppo in commissione Affari sociali.

“Nella scorsa legislatura – spiega – già era stata presentata una proposta analoga, che purtroppo non ha visto la luce. Adesso riprendiamo questa battaglia, per consentire a coloro che soffrono di questa malattia di disporre di tutto il supporto necessario, sia sul lato delle prestazioni sanitarie e sia sul piano economico, affinché il diritto alla cura sia veramente una realtà e questi malati non siano lasciati soli.

Purtroppo questo Governo sul piano sanitario ha fatto finora davvero poco – continua Bellucci- A fronte di 40 miliardi di spesa sanitaria privata, registriamo un taglio in questa legge di Bilancio di 600 milioni di euro. Questo significa che sempre più persone sono lasciate sole ad occuparsi delle loro difficoltà e delle loro malattie, e questo è ancora più drammatico per chi è affetto da una malattia rara non riconosciuta dal regolamento delle malattie rare. Per questo non possiamo voltarci dall’altra parte”. (Public Policy)

Condividi!

Vaccini: Bellucci, Salvini scherza su salute italiani

Vaccini: Bellucci, Salvini scherza su salute italiani = (AGI)

Models.

La richiesta che il ministro Salvini ha formulato in una lettera ieri al ministro Grillo, nella quale chiede un decreto legge per consentire la permanenza a scuola dei bambini non vaccinati, dimostra per l’ennesima volta la volontà di questo Governo di non promuovere le vaccinazioni e di seguire tesi assolutamente antiscientifiche.

Informo Matteo Salvini che proprio in questi giorni la rivista scientifica ‘Annals of Internal Medicine’ ha pubblicato i risultati di una ricerca danese, la quale ha dimostrato l’inesistenza di alcun legame tra vaccini e autismo. La ricerca ha riguardato 657.461 bambini nati in Danimarca tra 1999 e 2010, dei quali 6.517 hanno sviluppato forme di autismo, non riscontrando pero’ alcuna differenza nel rischio di contrarre l’autismo tra bambini vaccinati e bambini non vaccinati. È importante ricordare al ministro, inoltre, che Wakefield, autore dell’ideologia secondo cui i vaccini favoriscono lo sviluppo dell’autismo, fu radiato nel 2012 dall’albo britannico dei medici, accusato di aver fondato la sua sperimentazione attraverso dati fraudolenti.

Se tutto questo non bastasse, ricordo che l’Italia, una Nazione che vuol dirsi civile, è tra le cinque nazioni con il più alto tasso di malattie per vaccini non fatti. Ci giochiamo questo aberrante primato con l’India, il Pakistan, la Romania e la Nigeria. È questa l’idea di Nazione che ha il Governo e di promozione della salute pubblica? Basta con questa deriva antiscientifica. La politica deve affidarsi alla scienza in materia di salute. Non si può scherzare sulla salute degli italiani, sulla salute dei più piccoli.

In ultimo, il mio pensiero va al milione di bambini immuno depressi che non si possono vaccinare e che, proprio a causa di questa politica becera e pressapochista, non possono essere inseriti a scuola e sono privati di un contesto educativo e sociale, oltre che dell’affetto dei propri compagni. (AGI)

Condividi!

Droga: Bellucci, da Salvini solo interventi parziali

Droga: BELLUCCI (FdI), da Salvini solo interventi parziali = (AGI)

Dal ministro dell’Interno arrivano solo interventi parziali per contrastare l’uso di droga. Salvini non ha chiara la situazione italiana del consumo e dello spaccio delle sostanze psicotrope legali e illegali. Grazie al Partito Democratico, infatti, in Italia esistono due tipi di spaccio di stupefacenti: lo spaccio illegale e lo spaccio legale. È ora che Salvini si decida ad affrontare il problema della droga e della tossicodipendenza in maniera seria e puntuale, non con limitati interventi alla bisogna sulla sicurezza.

A cosa serve la sua proposta di legge che elimina la lieve quantità quando, da giugno, è ferma la proposta di Legge di Fratelli d’Italia sulla chiusura dei cannabis shop? Salvini cerca di intervenire sullo spaccio illegale quando l’Italia è invasa dagli spacciatori legali? Siamo in presenza, su tutto il suolo nazionale, di distributori automatici di cannabis accessibili da chiunque, che spacciano legalmente a ogni orario e per ogni età anche davanti agli istituti scolastici.

C’e’ solo una cosa da fare: chiudere i cannabis shop, come stiamo chiedendo da mesi al governo

Il ministro non può continuare a dirsi contrario allo spaccio di cannabis quando i parlamentari della Lega, insieme a quelli del M5S, sono gli unici a non presentare neppure una risoluzione per opporsi ai cannabis shop: la droga e le tossicodipendenze sono una problematica seria che va affrontata in modo coerente, stabile e coordinato. Vuole contrastare la droga? Inizi ad approvare la proposta di Fratelli d’Italia di chiudere i cannabis shop, in cui si vende la cannabis per finto collezionismo, e riformi la legge 309, in materia di stupefacenti e tossicodipendenze, che risale addirittura agli anni ’90.

Condividi!

Forteto: Bellucci, Commissione d’Inchiesta dopo 40 anni 


(ANSA) – Viene finalmente istituita la Commissione d’Inchiesta sui drammatici fatti che sono avvenuti nella comunità “Il Forteto”, con quarant’anni di ritardo rispetto alla prima condanna di Rodolfo Fiesoli per maltrattamento aggravato e atti di libidine.

Mi auguro che la Commissione possa fare finalmente luce sui quarant’anni di orrori perpetrati da Rodolfo Fiesoli, Luigi Goffredi e da tutti quelli che insieme a loro hanno maltrattato e abusato degli oltre 60 bambini che gli erano stati affidati.

Per troppi anni le Istituzioni si sono rese complici delle atrocità commesse dai vertici del Forteto, nella rossa Toscana amministrata da sempre dalla sinistra. Una complicità meschina, quella instauratasi infatti tra i maggiori esponenti della sinistra italiana e i gestori della Comunità “Il Forteto”. Nel 2010, il PD onorò la diabolica mente del Fiesoli, conosciuto come il Profeta, con la presentazione del suo libro in Senato, così come Di Pietro, nel 2011, scrisse la prefazione del libro di Fiesoli, in coincidenza della sua candidatura nel Mugello, sede del Forteto.

Quarant’anni per istituire una Commissione d’Inchiesta sono troppi. Le Istituzioni, innanzitutto, devono chiedere scusa alle vittime del Forteto per la sofferenza che e’ stata recata loro e per la giustizia che non e’ ancora stata fatta.

(ANSA) – ROMA, 27 FEB

Condividi!

La Sardegna va al centrodestra! Fratelli cresce ancora

Evviva! Fratelli d’Italia continua a crescere

Anche la Sardegna, come l’Abruzzo, ha premiato il centrodestra. E che gioia vedere che Fratelli d’Italia continua a crescere!

Orgoglio Sardo, Avanti così!

Condividi!

Domenica 24 febbraio si vota in Sardegna. Chi ama la Sardegna vota Fratelli d’Italia

 

Domenica si vota in Sardegna

 

👉Per avere una #SardegnaForte occorre avere una zona franca fiscale e la continuità territoriale, è necessario rilanciare le infrastrutture, dare contributi alle famiglie che mettono al mondo un bambino, valorizzare le imprese, i prodotti tipici della Sardegna e il suo patrimonio naturale, costiero e dell’entroterra, oltre a quello archeologico!

Domenica, dalle 6:30 alle 22:00, alle elezioni regionali in Sardegna, scegli chi, con competenza, coerenza e onestà, conosce e ama il territorio: VOTA Fratelli d’Italia! 🇮🇹🇮🇹🇮🇹

Condividi!

Diciotti: Bellucci, richiesta risarcimento è assurda

(AGI) – È assurdo. 41 finti profughi della Diciotti hanno chiesto un risarcimento dai 42 ai 71mila euro per essere rimasti a bordo più a lungo del previsto! Ma ci stiamo rendendo conto?

Non solo hanno la pretesa di entrare in Italia clandestinamente, hanno addirittura la faccia tosta di chiedere al Tribunale civile di Roma un barcone di soldi allo Stato italiano.

La colpa non è dei finti profughi, la colpa è della vile strumentalizzazione della sinistra. Indovinate chi è che ha depositato la richiesta di risarcimento? Gli avvocati della rete legale del Baobab Experience, associazione storica dell’accoglienza agli immigrati della Capitale, gestita anche dalla cooperativa 29 giugno di Salvatore Buzzi, quello che sosteneva che con i migranti si facessero più soldi che con la droga. Che casualità.

Condividi!

GIORNATA MALATO, BELLUCCI: INCIVILE TAGLIARE SPESA SANITÀ

GIORNATA MALATO, BELLUCCI: INCIVILE TAGLIARE SPESA SANITÀ (9Colonne)

In occasione della Giornata Mondiale del Malato, esprimo la mia vicinanza a tutti coloro che si trovano a combattere la malattia in prima persona, facendosi carico della propria sofferenza e delle angosce derivanti da questa condizione, insieme alle loro famiglie.

Uno Stato che non si prende sufficientemente cura dei propri malati non può dirsi civile. Il mio grazie, invece, va alla professionalità, dedizione e generosità d’animo espresse dalle numerose categorie di operatori sanitari, oltre alla vasta schiera di persone che riempiono le file del Volontariato, attraverso le quali si possono offrire cure e sostegno a chi ha più bisogno. In un’Italia in cui si chiudono i presidi ospedalieri, anziché valorizzarli ed aprirne di nuovi, e il Governo GialloVerde taglia 600 milioni alla spesa sanitaria, è fondamentale tenere elevato il concetto di Persona, di Cura e Prevenzione, affinché i nostri malati e le loro famiglie possano non sentirsi ancor più soli nell’affrontare una fase così delicata della loro vita.

Condividi!

Sanremo: Bellucci, Lauro parla di droghe, basta con istigazione

È inaccettabile che il Festival di Sanremo si presti a una canzone i cui contenuti associano alle droghe elementi positivi

(ANSA). Si sta sviluppando un gran dibattere sull’opportunità o meno di far partecipare, alla rassegna musicale più importante in Italia, una canzone che propone palesemente, e chi lo nega è gravemente in malafede, l’assunzione di droga. Da esperta del settore e da parlamentare ritengo intollerabile sentire numerose canzoni che fanno altrettanto e inneggiano all’uso di droghe, così come accade anche in altre forme di arte.

Credo sia arrivato il momento di dare piena attuazione all’Articolo 82 del Testo Unico Stupefacenti e perseguire chi istiga pubblicamente all’uso di sostanze stupefacenti o psicotrope. È inaccettabile che il Festival di Sanremo si presti a una canzone i cui contenuti associano alle droghe elementi positivi come l’aumento di qualità e prestazioni. Le droghe, infatti, oltre a compromettere l’assuntore sul piano psicologico e organico, diminuiscono le prestazioni e, dover ribadire questo, fa comprendere quanto la politica permissivista abbia compromesso la salute della nostra società.

I modelli positivi, che talvolta chiamiamo geni sono coloro che con sacrificio, determinazione e lucidità, fanno il possibile per strutturare le loro intuizioni con le risorse possedute. Le droghe sono l’opposto perché, nel tentativo di trovare la cura alle sofferenze più profonde, si accresce solo il proprio malessere. Per questo, quando si hanno delle difficoltà, è meglio rivolgersi ad uno specialista, perché con le Rolls Royce si va fuori strada.

Condividi!

Scuola: il Senato approvi subito legge contro abusi su minori

Scuola: il Senato approvi subito legge contro abusi su minori

(LaPresse) – Due educatrici, a Torino, sono finite in carcere per aver maltrattato, in modo continuativo, i bambini che venivano loro affidati in un asilo nido. Apprendo con orrore che le due donne facevano stare al freddo i bimbi per farli ammalare, li picchiavano e li segregavano nelle stanze. Per combattere episodi come questo, ho presentato e fatto approvare un emendamento che, insieme alle telecamere, introduce l’obbligo di Test Psico-attitudinali al momento dell’assunzione e durante l’anno per le educatrici e le insegnanti di bimbi da 0 ai 6 anni.

Questo di Torino non è un caso isolato, purtroppo. Solo da inizio anno, infatti, sono state arrestate tre maestre e una bidella a Roma, mentre sono state sospese due maestre a Venafro e due a Cassino. È dunque necessario che il Senato concluda velocemente l’attuale iter di esame della legge di contrasto al maltrattamento su minori, anziani e disabili, già approvata alla Camera, in quanto non è più possibile attendere altro tempo, lo Stato deve garantire la sicurezza dei più piccoli e delle fasce più deboli.

 

Condividi!